CalcioInterSerie A

Bastoni non basta. Inter pareggia a Lecce

L'Inter pareggia a Lecce, la sblocca Bastoni appena entrato ma viene raggiunta da Mancosu

Nella sua Lecce Antonio Conte lascia due punti e vede la Lazio sempre più ingombrante alle sue spalle. La squadra nerazzurra ha giocato sottotono, rimanendo imbrigliata dallo schieramento tattico di Liverani che non ha lasciato campo alle ripartenze nerazzurre.

Primo tempo che non rimarrà nei ricordi del tifoso di Lecce e Inter. Partita bloccata, giocata prevalentemente a centrocampo con la squadra di Antonio Conte che cerca con più insistenza la rete senza però essere pericolosa. La pressione dei nerazzurri è costante, con il maggior possesso palla senza però portare troppi pericoli alla porta di Gabriel.

Alla prima vera occasione Romelu Lukaku porta in vantaggio i suoi, ma l’arbitro Giacomelli annulla per un fallo del belga sul portiere giallorosso. L’inter spinge alla ricerca del vantaggio, il più pericoloso è Marcelo Brozovic che dopo uno scambio con Lukaku colpisce il palo con un tiro da fuori aria. Tre minuti dopo è ancora il regista nerazzurro con due conclusioni ad impegnare Gabriel alla doppia parata. Troppo poco per la squadra di Conte che, seppur tenendo bene il campo, non riesce ad aumentare la velocità del giropalla risultando prevedibile per la difesa di Liverani.

A fine tempo transizione veloce del Lecce, il colpo di testa di Babacar viene toccato di braccio da Stefano Sensi, Giacomelli assegna il rigore ma dopo aver rivisto l’azione alla VAR, cambia decisione e annulla il rigore.

Ripresa che inizia con il Lecce pericoloso: Babacar dal limite dell’area, strozza troppo il tiro che termina alla destra di Samir Handanovic. Risponde subito l’Inter con Lautaro Martinez, prima su cross di Biraghi dalla sinistra, bravo ad anticipare i difensori ma in acrobazia conclude alto, subito dopo con un tiro dal limite parato a terra dal portiere brasiliano.

Il Lecce fa molta densità nella propria metà campo, chiude tutti gli spazi non concedendo linee di passaggio ai nerazzurri. Liverani ha impostato una squadra accorta, chiusa ma che, appena ha l’occasione, riparte velocemente di rimessa. Proprio su un’azione di contropiede Rispoli dal limite impegna il numero 1 interista alla parata a terra. Non ci sono spazi per i contiani che cercano il vantaggio con tiri da fuori aria: Lautaro e De Vrij e Sensi impegnano Gabriel alla parata.

Conte toglie Godin per Bastoni, ed è proprio il giocatore appena entrato che anticipa Deiola e di testa batte il portiere leccese. Liverani ridisegna la sua squadra, fuori Rispoli, dentro Falco e i padroni di casa trovano il pareggio: Majer crossa dalla sinistra, Mancosu anticipa Bastoni, e tutto solo batte Handanovic con un tocco ravvicinato. Raggiunto il pareggio, ci prova anche il nuovo entrato Falco, la sua punizione colpisce il palo ed esce.

Conte prova a vincerla, fuori Sensi e Brozovic per Borja Valero e Sanchez, ma la sfida finisce in pareggio. La Juve stasera può allungare in classifica, portandosi a +4 sui nerazzurri apparsi lenti e con poche idee. Giocando partite come quelle di oggi difficilmente riuscirà a stare in scia alla Juventus, basteranno gli acquisti?

Tags

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close